BOHEMIAN RHAPSODY

Today I would like to explain to you how to renew the bohèmienne style appreciated by lots of girls. This is not a look that I like to adopt so frequently because I feel closer to eighties mood; anyway I think that some outfits can be extremely interesting with the needed updates. What is the main designer representing the theme of this post? Chloé, of course. Their printed, light-weight dresses and successful handbags in natural tones makes up the perfect uniform for all ladies that aim to be inspired to ’70s. In any case, this season the best bohemian dresses must be searched into Gucci’s collections.

Continue reading “BOHEMIAN RHAPSODY”

Vinyls Collector

isabel-marant-coated-cotton-miniskirtIspirazione: elettro-pop, possibilmente british. Accendete lo stereo e selezionate “The Magic Whip” dei Blur e vi calerete immediatamente nel mood. Dress Code? Assolutamente richiesto il total black: è necessaria un micro tubino a vita alta in lucidissimo vinile nero e una T-shirt jap-style. Per chi non ha paura di spendere, optate senz’altro per Saint Laurent che ha fatto sfilare una strepitosa mini-skirt in pelle sintetica stampa coccodrillo, per le più nostalgiche dei club degli Ottanta (su mytheresa, net-a-porter, matchesfashion).

Continue reading “Vinyls Collector”

One Spring (Summer) day in Paris

yves-saint-laurentLa Fashion Week parigina è stata ricchissima di spunti e ha dettato un ritorno imprevisto al minimalismo in contrasto con il gusto massimalista che sta pervadendo la stagione attuale.
Ogni designer ha creato un mood, sembra aver pensato ad un luogo ben specifico per la collezione proposta. Ed io mi sono divertita ad immaginare le locations e le occasioni ideali per gli outfits che ho visto sfilare.
Ovviamente si tratta dei migliori angoli parigini dove spendere una giornata indimenticabile – e fashion-oriented – tra le bellezze della capitale francese.

Ore 9,30 Svegliamoci nella suite di uno degli hotel più lussuosi della città come il Park Hyatt nei pressi di Place Vendome
e gustiamoci la nostra continental breakfast all’aria aperta, sul balcone della nostra camera, indossando l’abito-vestaglia in satin nero con delicata stampa a contrasto di Dries Van Noten.

Continue reading “One Spring (Summer) day in Paris”